Castro è un piccolo borgo di circa 2500 abitanti, collocato su di una scogliera del versante adriatico della penisola salentina.

Questo comune della provincia di Lecce registra ogni anno centinaia di turisti, Italiani che non, attirati dalla bellezza del mare cristallino e dal fascino storico del borgo medievale.

Castro, inoltre, è molto vicino ad altre mete salentine molto ambite; si parla ad esempio di Gallipoli, Santa Maria di Leuca e Otranto.

Visti i pochi chilometri che separano Castro dalle principali località turistiche, chi opta per un weekend in questa borgo avrà anche l’opportunità di spostarsi facilmente.

Il paese è diviso in due zone: Castro Superiore e Castro Marina. Quest’ultima si estende tutto intorno al porto e costituisce la località balneare del paese; la restante parte del comune prende il nome di Castro Superiore, ed è situata a 100 mt sul livello del mare.

Cosa vedere a Castro Superiore

Questa seconda zona è decisamente tranquilla; adatta, quindi, per chi ha in mente una vacanza all’insegna del relax e della tranquillità.

Da Castro Superiore si potrà godere di una vista mozzafiato dove prendono il sopravvento la natura, con i suoi colori, e il mare, con le sue tonalità di blu.

Dopodiché, sempre qui si ha l’opportunità di visitare ed ammirare monumenti antichi e bellezze artistiche, come nel caso del Castello e della Cattedrale di Castro.

Il Castello di origine angioina risale alla seconda metà del sedicesimo secolo e fu costruito sui resti di un precedente castello bizantino. Oggi è possibile visitarlo pagando un prezzo per il biglietto molto basso.

Il castello fu eretto in passato come struttura difensiva, contro le invasioni e gli attacchi stranieri; questo spiega la sua struttura imponente. Si parla di ben 900 mq, escludendo i 300 mq del cortile presente all’interno della struttura.

Chi si reca a Castro Superiore non può, poi, farsi scappare l’occasione di visitare la meravigliosa Cattedrale. Questo esempio di arte romanica risale al dodicesimo secolo, e fu più volte modificata nel corso del tempo. La Cattedrale vanta un’unica navata, dov’è possibile ammirare delle tele realizzate da artisti salentini; le quali, sono risalenti al sedicesimo e diciassettesimo secolo, e illustrano la vita di alcuni santi.

Cosa fare a Castro Marina

Castro Marina è una meta altrettanto ambita; il motivo è presto detto: il mare e le sue acque cristalline.

Grazie alla limpidezza del mare, chi si trova in tale parte del borgo di Castro ha la possibilità di effettuare delle immersioni. Questa attività dà modo di ammirare pienamente le bellezze dei fondali della costa, e, perché no, di osservare più da vicino le diverse tipologie di pesci che popolano queste acque.

Altra opzione a disposizione dei turisti è quella di visitare le grotte, molto diffuse lungo la costa. Alcune di esse consentono l’accesso a piedi; altre, invece; sono accessibili esclusivamente mediante imbarcazioni.

La grotta che più di tutte attira l’attenzione dei visitatori è chiamata Grotta Zinzulusa, il cui nome non è affatto un caso. Infatti, in dialetto salentino “zinzuli” vuol dire stracci, e ad assomigliare a degli stracci sono proprio le stalattiti presenti nella grotta, e che si originano dal soffitto.

Tali formazioni calcaree, in combinazione con l’acqua cristallina del mare, danno vita ad uno scenario meraviglioso, con dei graziosi giochi di luce.