La terra Salentina è una delle mete ideali per chi ama una vacanza all’insegna del relax, della tranquillità e della buona cucina. Il Salento è ricco di piccoli borghi che si estendono tra le colline e il mare.

La Puglia, e in particolare il Salento è famoso per le acque cristalline ma è giusto soffermarsi anche sulla bellezza di alcuni piccoli borghi che regalano un’atmosfera magica e conservano una grande ricchezza storica e culturale.

I borghi salentini affacciati sul mare.

Castrignano del Capo è uno dei comuni più sud del Salento, molto frequentata d’estate la zona maggiormente frequentata è quella di Santa Maria di Leuca, frazione di Castrignano del Capo, un posto incantato dove il mar Adriatico e il mar Ionio si incontrano.

Castrignano del Capo presenta numerose grotte distribuite lungo la costa e di particolare importanza è la grotta “Porcinara”, famosa per il ritrovamento al suo interno di epigrafi greche e latine.

Un altro borgo di esclusiva bellezza è sicuramente Gallipoli, caratterizzato da un centro storico pieno di vicoletti stretti e tortuosi. Gallipoli è una cittadina circondata dal mare, ha la forma di un isolotto ed è collegato con un ponte alla terraferma. Uno dei suoi monumenti più famosi è il Castello Aragonese.

Un altro splendido borgo leccese affacciato sul mare è Otranto, detto anche Porta d’Oriente. A testimonianza delle invasioni dei turchi ad Otranto, che più volte hanno tentato di impadronirsene, ci sono le due torri di avvistamento e una meravigliosa spiaggia “Baia dei Turchi“.

Si entra nella cittadina attraverso l’imponente Porta Alfonsina e da qui, attraversando le mura, si accede al centro storico dove fa da padrone il Castello Aragonese, oggi sede di numerose mostre d’arte.

Uno dei borghi visivamente più affascinanti è Castro che affascina i turisti soprattutto per le sue casette bianche e piccole poste una sull’altra. La cittadina è divisa in due zone: Castro Marina vicina al mare e al porto, e Castro Superiore, la zona più antica.

Castro Marina non presenta spiagge, ma + tipiche insenature rocciose e grotte. Una delle grotte più famose è la Grotta di Zinzulusa, molto scenografica per la sua grande apertura sul mare raggiungibile attraverso una passerella che fiancheggia la costa.

Il nome della grotta deriva dal termine dialettale “zinzuli” che si riferisce alle enormi stalattiti che si possono ammirare all’interno di essa.

Borghi salentini ricchi di storia.

Un altro spettacolare borgo salentino è Calimera, posto a pochi km da Lecce, appartenente alla Grecia salentina, ossia un insieme di paesi che subirono l’influenza greca.

Ancora oggi sopravvive a Calimera, che dal greco Kalimera significa “buongiorno”, un dialetto ora riconosciuto come una lingua vera e propria, il “griko“.

Specchia, altro borgo Salentino che fa parte della lista dei borghi più belli d’Italia, presenta un centro storico pieno di viuzze con muretti a secco e scalinate. Le numerose chiese, i monumenti caratterizzati da intarsi barocchi e gli antichi portali catalani donano a questo paese un’atmosfera unica.

Specchia è famosa per la presenza sul territorio dei frantoi ipogei scavati direttamente nella roccia, dove si produceva un ottimo olio di oliva.